NEWS

11.12.2019 | Didattica

La gestione responsabile delle foreste con FSC®


A pochi mesi dal summit dell’Onu sul clima che ha attirato l’attenzione sulla necessità di generare un cambiamento positivo nelle comunità di tutto il mondo rispetto al tema della sostenibilità ambientale e che ha visto protagonista la giovanissima Greta Thunberg, sempre più determinata a generare delle azioni e delle reazioni importanti nella popolazione, nel settore del legno arredo aumenta la consapevolezza della materia prima e dei suoi pregi in termini di sostenibilità.

Una cura e un’attenzione dimostrata dall’aumento delle richieste da parte delle aziende per la certificazione FSC CoC (Chain of Custody) che garantisce la tracciabilità della provenienza del legno. Si tratta di un riconoscimento fondamentale per garantire al mercato l’origine della materia prima utilizzata, dimostrando in maniera corretta, trasparente e controllata l’attivo contributo dell’impresa nel mantenere attiva la catena di trasformazione del legno proveniente da foreste gestite responsabilmente.

FSC® è un marchio riconosciuto internazionalmente che identifica i prodotti che contengono del legno proveniente da foreste certificate FSC, ovvero gestite secondo gli standard del Forest Stewardship Council (FSC – traducibile in italiano come “Comitato per la gestione delle Foreste”), un’Organizzazione non governativa internazionale senza scopo di lucro la cui nascita risale al 1990, in California, quando una serie di produttori e consorzi attivi nel settore compresero l’importanza di stabilire un criterio per la gestione sostenibile delle foreste.

Al fine di tutelare le foreste e fare in modo che queste vengano sfruttate in maniera sostenibile, il Forest Stewardship Council (FSC) ha redatto una serie di rigidi criteri di gestione delle foreste:


1. Rispetto dell’ambiente – la raccolta del legno non deve danneggiare la biodiversità del bosco e rispettare i processi ecologici, in modo da preservarlo.

2. Utilità sociale – la raccolta del legno deve essere vantaggiosa anche per le popolazioni locali in termini sociali, lavorativi, economici.

3. Sostenibilità economica – il profitto ricavato dalla raccolta del legno non compromettere la risorsa forestale, dell’ecosistema o delle popolazioni interessate.

Attraverso la certificazione quindi l’azienda certifica la tracciabilità del legno e il rispetto degli standard di gestione responsabile della risorsa forestale per i vari step di produzione (approvvigionamento, lavorazione, etichettatura e vendita).

Un valore aggiunto ritenuto essenziale dalle 40 aziende de IL LEGNO dalla Natura alle Cose che in ogni fase di prima lavorazione, progettazione e produzione mantengono attiva una delle filiere più importanti del Paese.

https://it.fsc.org/it-it

tutte le news
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.